La mostra sul culto di San Biagio arriva a Salemi

E’ stata inaugurata a Salemi (Trapani), presso il Castello Normanno-Svevo, nell’ambito dell’annuale festa per il Patrono, la mostra sul “Culto di San Biagio in Italia” curata dall’Etnolaboratorio per il Patrimonio Culturale Immateriale. La mostra resterà aperta fino al 12 febbraio e sarà visitabile negli orari 10.00/13.00 e 16.00/19.00.

Informazioni sulla mostra:
www.progettosanbiagio.it | progettosanbiagio@etnolaboratorio.org

Ufficio Turistico
+39 0924 991401 | ufficiostampa@cittadisalemi.it 

Pro Loco di Salemi, Piazza Libertà
+39 0924 981426 | prolocosalemi@prolocosalemi.it

Seminari di “Antropologia e musica”

Giovedì 9 aprile si apre un ciclo di seminari dal titolo “Antropologia & Musica”, curato dal Professore Sergio Bonanzinga e organizzato dall’Università degli Studi di Palermo, Dipartimento di Culture e società, in collaborazione con il Museo internazionale delle marionette Antonio Pasqualino.
Il ciclo include due seminari, Etnomusicologia e cinema e Riti musicali di guarigione, che si terranno al Museo Pasqualino rispettivamente il 9 e il 10 aprile.

Il progetto è specialmente destinato agli studenti dei corsi universitari di orientamento musicologico e antropologico, ma si rivolge anche a quanti siano interessati alle tematiche che saranno trattate da studiosi italiani e stranieri. L’obiettivo è specialmente quello di presentare ricerche originali che offrano spunti teorici innovativi, attraversando nel tempo e nello spazio i diversi aspetti del comportamento musicale.

Giovedì 9 aprile, dalle ore 9.30: Etnomusicologia e cinema
Il seminario inaugurale, dedicato a Etnomusicologia e cinema, prevede sessioni mattutine e pomeridiane. Gli interventi della mattina saranno basati su questioni di ordine teorico-metodologico e dureranno 45 minuti circa, con uno spazio di 10 minuti per domande e approfondimenti. Interverranno Giorgio Adamo (Università di Roma Tor Vergata), Renato Morelli (Rai di Trento), Domenico Staiti (Università di Bologna) e Sergio Bonanzinga,
La sessione pomeridiana (a partire dalle 16.00) sarà costituita dalla proiezione integrale di filmati curati dagli stessi relatori, che li introdurranno e ne discuteranno col pubblico: Alleluja! Festa e preghiera in una comunità Ziyoni del Malawi (31 min.) di Giorgio Adamo; Kajda (70 min.) di Domenico Staiti; Voci alte. Tre giorni a Premana (44 min.) di Renato Morelli; I suoni e la musica, Concezioni di tradizione orale in Sicilia (40 min.) di Sergio Bonanzinga.

Venerdì 10 aprile, ore 9.30. Riti musicali di guarigione
Il secondo incontro, dedicato ai Riti musicali di guarigione, si svolgerà in una giornata con sessioni mattutine e pomeridiane. Gli interventi, corredati da documenti sonori e da videofilmati, dureranno 45 minuti circa con uno spazio di 10 minuti per domande e approfondimenti. Interverranno Giovanni Giuriati (Università di Roma La Sapienza), Giorgio Scalici (Università di Durham), Giorgio Adamo (Università di Roma Tor Vergata), Cecilia Pennacini (Università di Torino), Zakaria Rhani (Centro Jacques Berque – Università di Rabat), Domenico Staiti e Silvia Bruni (Università di Bologna), Sergio Bonanzinga.

Info:
Associazione per la conservazione delle tradizioni popolari
Museo internazionale delle marionette Antonio Pasqualino
Piazzetta Antonio Pasqualino, 5 (trav. Via Butera), 90133 Palermo
tel: 091 328060, fax: 091 328276
E-mail: mimap@museomarionettepalermo.it
Web: www.museodellemarionette.it

Etnografie del Contemporaneo

Lunedì 2 marzo 2015 alle ore 17.00 avrà inizio il ciclo di seminari “Etnografie del contemporaneo” che prevede 12 incontri durante i quali giovani ricercatori siciliani affronteranno tematiche incentrate sull’antropologia contemporanea.
Il ciclo di seminari è curato da Rosario Perricone e organizzato dall’Associazione per la conservazione delle tradizioni popolari, in collaborazione con la Fondazione Ignazio Buttitta, nell’ambito delle iniziative programmate in occasione del suo cinquantenario. L’iniziativa è inoltre patrocinata dall’Università degli Studi di Palermo e SIMBDEA, e organizzata con il contributo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e della Regione Siciliana – Assessorato dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana.

Durante il primo incontro Rosario Perricone illustrerà nel dettaglio il ciclo di seminari che si aprirà con l’intervento di Antonino Frenda, demoantropologo che si occupa di temi e problemi di etnostoria e antropologia religiosa.

Le feste di San Calogero in Sicilia si configurano ancora oggi quale momento paradigmatico della religiosità tradizionale dell’Isola: ibridazioni pagano-cristiane, sistemi di credenze, corse della vara e processioni, pellegrinaggi, offerte di particolari pani ex-voto, eccessi e offerte corporee osservabili prevalentemente nell’Agrigentino e nel Nisseno connotano infatti l’universo mitico-rituale di questa magmatica figura di santità siciliana e mediterranea che, unitamente alle modalità tradizionali con le quali viene festeggiata, sembra incorporare alcune delle istanze più significative della nostra contemporaneità quali, non ultime in ordine di importanza etnografica, l’incorporazione del “mito” di San Calogero nelle storie diasporiche e drammatiche dei migranti.

Al termine del ciclo sarà rilasciato un attestato di partecipazione.
L’iscrizione ai seminari è gratuita
Info: +39 091 328060

Favara e le figure dell’etnografia musicale europea

Il Conservatorio di Palermo ospiterà, il 13 e il 14 febbraio, il Convegno di studi realizzato in occasione del 150° anniversario della nascita di Alberto Favara, dal titolo Figure dell’etnografia musicale europea. Il convegno, coordinato da Sergio Bonanzinga e Girolamo Garofalo, intende rendere omaggio ad un pioniere degli studi etnomusicologici collocandone l’attività nel più ampio quadro dell’etnografia musicale europea. Di quanto attestato in quelle esperienze di ricerca potranno essere verificate le dinamiche di persistenza e di trasformazione, attualizzandone il valore entro gli svariati itinerari d’analisi che caratterizzano l’attuale indagine etnomusicologica.

Programma completo

5 Borse di studio dalla Fondazione Buttitta

La Fondazione Ignazio Buttitta bandisce un concorso per l’assegnazione di n. 5 Borse di studio di € 2.000,00 (euroduemila) riservate a possessori di diploma di laurea magistrale, o titolo equipollente o superiore, conseguito almeno con la votazione di 110/110, che alla data di pubblicazione del presente bando non abbiano compiuto i 30 anni.

Le Borse di studio sono dedicate a Ignazio Buttitta per ricerche sulla letteratura e sulla lingua siciliana; a Giuseppe Bonomo per ricerche relative alla cultura popolare siciliana tradizionale; a Antonio Pasqualino per ricerche sull’opera dei pupi e sulle pratiche teatrali popolari; a Giuseppe Martorana per ricerche di carattere storico-religioso sulla Sicilia antica; a Vincenzo Tusa per ricerche archeologiche relative alla Sicilia.

Le Borse di studio saranno assegnate a insindacabile giudizio del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Ignazio Buttitta acquisito il parere del Comitato scientifico.

Le domande di partecipazione, accompagnate dal curriculum vitae et studiorum, da una copia di un documento di identità e da un progetto di ricerca di massimo 5 cartelle, dovranno essere trasmesse in formato PDF all’indirizzo: fondazione.buttitta@yahoo.it o spedite per raccomandata al seguente indirizzo: Fondazione Ignazio Buttitta, via Pasculli n. 12 – 90138 Palermo, entro e non oltre il 30 settembre 2013.