Le Madonne vestite. Le vesti, i rituali, i culti

Mercoledì 1 marzo 2017 dalle ore 15.00, presso il Palazzo Patrizi Clementi, nella Sala delle Colonne Doriche, in Via Cavalletti 2 a Roma, si terrà la presentazione del volume Le Madonne vestite. Le vesti, i rituali, i culti a cura di Marcello Arduini.
L’evento è organizzato dalla la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per l’area metropolitana di Roma, la provincia di Viterbo e l’Etruria meridionale.

La presentazione del volume sarà spunto per una Tavola Rotonda sul tema delle Madonne vestite, nella quale interverranno, dopo l’introduzione del Soprintendente Alfonsina Russo, l’autore Marcello Arduini (Docente presso l’Università della Tuscia di Viterbo), Luisa Caporossi e Francesca Fabbri (Storiche dell’arte della Soprintendenza), Fabio Scialpi (Docente presso Sapienza-Università di Roma), Elisabetta Silvestrini (Già Università di Venezia Ca’ Foscari e di Macerata) e Alberto Sobrero (Docente presso Sapienza-Università di Roma).
Il prezioso volume, che nella prima parte raccoglie le relazioni dell’omonimo Convegno tenutosi al Museo delle Tradizioni Popolari di Canepina (Viterbo) nel marzo 2014, presenta studi e ricerche articolati sia dal punto di vista geografico che tematico, con l’intenzione di offrire spunti e approfondimenti riguardo agli studi sull’argomento dei simulacri mariani con gli abiti. La seconda parte del volume presenta una serie di casi specifici di statue mariane sparse sul territorio viterbese, le cui vicende, religiose, storiche, antropologiche, sono state oggetto di indagine nel corso degli anni da parte del curatore.
L’ampiezza dei temi trattati delinea una complessità di fondo che mette in luce – tra i tanti aspetti – i molteplici significati del rituale di vestizione, i ruoli maschili e femminili, le dinamiche comunitarie, le controversie sulle modalità del culto, ed anche l’artigianalità/artisticità del manufatto, le forme estetiche di questo tipo di statuaria e le ripercussioni del restauro sulle pratiche rituali.
La pubblicazione sottolinea anche l’avvenuta sensibilizzazione nei confronti di un patrimonio poco considerato e misconosciuto, fino a poco tempo fa, che sta invece diventando sempre più oggetto di attenzione anche da parte delle comunità locali, impegnate a difendere e valorizzare le proprie tradizioni ritenute fondamentali e a rischio di scomparsa.

I Luoghi Comuni di Tor Pignattara

Il 14 Gennaio 2016 alle ore 17.30, presso la Casa della Cultura di Villa De Sanctis, l’Ecomuseo Casilino Ad Duas Lauros promuove una tavola rotonda di presentazione delle ricerca di Carmelo Russo e Francesco Tamburrino sui luoghi di culto e sugli spazi di socializzazione fra diverse culture e differenti generazioni, dal titolo Luoghi Comuni / Luoghi in Comune.

Ne parleranno Sergio Botta (storico delle religioni) Alessandra Broccolini (antropologa), Stefania Ficacci (storica) e Alessandro Saggioro (storico delle religioni).

Etnografie del Contemporaneo

Lunedì 2 marzo 2015 alle ore 17.00 avrà inizio il ciclo di seminari “Etnografie del contemporaneo” che prevede 12 incontri durante i quali giovani ricercatori siciliani affronteranno tematiche incentrate sull’antropologia contemporanea.
Il ciclo di seminari è curato da Rosario Perricone e organizzato dall’Associazione per la conservazione delle tradizioni popolari, in collaborazione con la Fondazione Ignazio Buttitta, nell’ambito delle iniziative programmate in occasione del suo cinquantenario. L’iniziativa è inoltre patrocinata dall’Università degli Studi di Palermo e SIMBDEA, e organizzata con il contributo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e della Regione Siciliana – Assessorato dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana.

Durante il primo incontro Rosario Perricone illustrerà nel dettaglio il ciclo di seminari che si aprirà con l’intervento di Antonino Frenda, demoantropologo che si occupa di temi e problemi di etnostoria e antropologia religiosa.

Le feste di San Calogero in Sicilia si configurano ancora oggi quale momento paradigmatico della religiosità tradizionale dell’Isola: ibridazioni pagano-cristiane, sistemi di credenze, corse della vara e processioni, pellegrinaggi, offerte di particolari pani ex-voto, eccessi e offerte corporee osservabili prevalentemente nell’Agrigentino e nel Nisseno connotano infatti l’universo mitico-rituale di questa magmatica figura di santità siciliana e mediterranea che, unitamente alle modalità tradizionali con le quali viene festeggiata, sembra incorporare alcune delle istanze più significative della nostra contemporaneità quali, non ultime in ordine di importanza etnografica, l’incorporazione del “mito” di San Calogero nelle storie diasporiche e drammatiche dei migranti.

Al termine del ciclo sarà rilasciato un attestato di partecipazione.
L’iscrizione ai seminari è gratuita
Info: +39 091 328060

Crowdfunding: Musica e Devozione nella Valle del Sacco

Il Laboratorio per lo studio del paesaggio sonoro e delle tradizioni musicali della Valle del Sacco avvia la raccolta fondi per la realizzazione del secondo CD della collana Val’S.
Con il secondo volume il progetto Val’S inizia a presentare monografie e a divulgare materiali della propria collezione relativi ad aspetti specifici della cultura musicale della Valle del Sacco. Il disco conterrà materiali che riguardano il rapporto tra la devozione popolare e la musica, tratti dal lavoro sul campo e conservati presso l’Archivio del Laboratorio. Tali documenti provengono da rilevamenti effettuati ad Anagni, Acuto, Ferentino, Supino, Morolo, Sgurgola, Fiuggi, Fumone, Ceccano, Veroli (in Provincia di Frosinone), Segni, Gavignano (in Provincia di Roma), dalla fine degli anni 90 ad oggi.
Si tratta di canti processionali, inni religiosi, litanie, canti di pellegrinaggio, preghiere, orazioni e testimonianze del rapporto tra il sacro e il suono; musica strumentale, musica vocale e paesaggio sonoro (ovvero i suoni dei contesti devozionali, delle feste, dei riti).
Si prevede la pubblicazione di circa 400 CD.

La collana Val’S propone una selezione del materiale d’archivio (che si compone di oltre 200 ore di registrazioni audio e video) sulle tradizioni musicali della Valle del Sacco. La collana mira alla pubblicazione di monografie su aree specifiche, su generi, su tecniche esecutive attraverso cui approfondire diversi temi d’interesse etnomusicologico che riguardino il territorio.
Il primo disco “Canti e musiche della Valle del Sacco” [Vla'S 01], a cura di Emiliano Migliorini e Igino Pucello, è stato pubblicato nel 2009.

Per sostenere il progetto

XIX Congresso Internazionale AIEMPR. Oltre le identità

Ad Assisi (Perugia) dal 23 al 27 luglio 2013 il XIX Congresso internazionale dell’Association Internationale d’Etudes Médico-Psychologiques et Religieuses (AIEMPR). Il tema del convegno è Oltre le identità. Polifonie, diverse umanità.

Proiettarsi oltre le identità: non si tratta di negare l’“identità”, poiché questa – anche se solamente dell’ordine virtuale della rappresentazione o della identificazione – è comunque necessaria per stabilire il posizionamento dei confini individuali, di gruppo ed è appartenenza, per contrastare gli aspetti negativi della “liquidità” post-moderna.
Eppure guardare all’oltre le identità può consentire di interrogarsi sulla’“ossessione” dell’identità, sull’attaccamento ipertrofico e morboso alla propria identità, sull’intolleranza per le identità altrui e la paura delle diversità, o sulle discriminazioni culturali, sociali ed economiche; guardare oltre permette di riformulare la riflessione intorno all’“altro”, per meglio rintracciare i confini della propria identità; poiché l’identità va intesa come un processo dinamico in continua trasformazione che evolve nell’interrelazione con l’ambiente.
E’ urgente interrogarsi sui nuovi scenari aperti dalla contemporaneità, sull’incontro e sullo scontro delle culture, sul fluire delle interrelazioni sempre più complesse tra individui e società, sul dialogo tra tradizioni culturali che si esprimono in molte e diverse lingue e visioni del mondo; riflettere nuovamente sul rapporto natura/cultura, pensare un’antropologia del vivente?
Occorre domandarsi – tra diaspore e migrazioni, conflitti e guerre – quali siano le nuove forme di comunicazione, tra le altre in particolare quelle che si sviluppano sul web, quali nuove dinamiche culturali e tecnologie estendono lo spazio degli incontri, quali siano le nuove forme del dialogo, dove e perché la coesistenza si rivela difficile o impossibile.
In un mondo di ricchezze smisurate e povertà abissali, sfruttamenti alienanti, in cui l’essere umano rischia di perdersi trascinando con sé la propria umanità, possono le diverse espressioni religiose tradursi in incontri inter-culturali e inter-religiosi, oltre i fondamentalismi distruttivi, in modo particolare percorrendo le vie delle mistiche, pur diverse secondo le culture?
Le culture si esprimono attraverso dinamiche polifoniche, manifestazioni della pluralità di voci non declinabili al singolare, dove il contributo dei singoli individui, dei gruppi è unico e irripetibile e non può non pensarsi nella relazione con la natura come entità vivente. Può essere utile ripensare le comunità come luoghi densi del sociale, luoghi anche virtuali, dove, tra consonanze e dissonanze, si riscrivono in maniera creativa nuove umanità?

Info: http://www.aiempr.org/it/congresso.htm

Giornate di studio per Alberto Mario Cirese

Si è svolto dal 3 al 9 giugno a Rieti, presso la Fondazione Varrone a Largo S. Giorgio, il convegno “Il pane, la religione, la memoria. Giornate di studio in onore di Alberto Mario Cirese. Le giornate presentavano un programma molto articolato, con varie iniziative: percorsi didattici, una mostra-laboratorio sui pani rituali, alcune presentazioni di saggi, i convegni del Cesa (Centro Europeo Studi Agiografici) e una tavola rotonda finale sulle figure di Eugenio e Alberto Mario Cirese. Sono intervenuti: Pietro Clemente, Sofia Boesch Gajano, Eugenio Testa, Roberto Marinelli, Elsa di Meo, Maurizio Agamennone, Vincenzo Lobardi, Gabor Klaniczay, Paolo Apolito, Francesco Scorza Barcellona, Gennaro Luongo, Amalia Galdi, Francesca Sbardella, Paola Elisabetta Simeoni, Emiliano Migliorini, Fabio Dei, Antonio Fanelli, Sandra Puccini, Domenico Scacchi, Valerio Strinati.

Programma