Giornata Internazionale dei Musei a Roviano

Mercoledì18 Maggio, in occasione della Giornata Internazionale dei Musei, il Museo della Civiltà Contadina di Roviano aprirà in via straordinaria (dalle 10 alle 13) e potrà essere visitato al solo costo del biglietto ridotto. Per tutti i giovani al di sotto dei 25 anni l’ingresso sarà gratuito e ad ognuno di essi verrà regalata una guida del Museo.

In riferimento al tema della Giornata dei Musei, che quest’anno è “Museums and Cultural Landscapes –­ Musei e paesaggi culturali”, Domenica 22, alle ore 16.30, sarà proiettato il film “Ousiders. Storie dal Fiume”, di Sara Pigozzo e Enrico Meneghelli: l’ingresso per la visione del film è gratuito.

Museo della Civiltà Contadina valle dell’Aniene
Piazza San Giovanni 1, Roviano (RM)
www.museoroviano.it
rovianomuseo@tiscali.it

Etnofilmfest 2015

Ultimi giorni dell’Etnofilmfest in corso dal 20 al 28 giugno a Monselice (Padova). Il Festival giunto all’ottava edizione presenta un interessante e ricco programma di opere di antropologia visiva. Queste ultime giornate saranno quindi un’occasione importante per poter vedere materiali inediti e incontrare i protagonisti di ricerche etnografiche in diverse aree del mondo.
Programma completo

Info:
Centro Studi sull’Etnodramma
via M.Carboni 17/1
35043 Monselice (Pd)
info@etnodramma.it
tel +39 3286672328

A Nazzano: Storie dal Fiume

Sabato 9 Maggio, alle ore 18.00, presso la Sala Polivalente del Museo del Fiume di Nazzano (Roma) sarà proiettato il film documentario di Enrico Meneghelli e Sara Pigozzo “Outsiders. Storie dal fiume”. Intervengono Paola Elisabetta Simeoni (etnoantropologa) ed Emiliano Migliorini (etnomusicologo); coordina Tommaso Rotundo (etnoantropologo, responsabile della Sezione DEA del Museo del Fiume). Saranno presenti gli autori.

Cinema sperimentale e antropologia

Martedì 20 gennaio alle ore 17.00, presso il Museo delle marionette Antonio Pasqualino di Palermo, si terrà un seminario internazionale di Arte e Antropologia.
Una nota dell’Associazione per la conservazione delle tradizioni popolari spiega il contenuto dell’incontro: Negli anni ’80 alcuni studiosi statunitensi tra i quali Georges Marcus hanno messo in dubbio le pretese di oggettività e di neutralità – epistemologica e politica – dell’antropologia classica e hanno invitato alla sperimentazione dei modi di scrittura antropologica. Ma l’antropologia visuale ha continuato a seguire le tradizioni narrative senza cercare di problematizzare per esempio la prossimità e la distanza del soggetto etnografico o i punti di vista molteplici dell’osservatore partecipante. La nozione di “cine-occhio” di Dziga Vertov può essere considerata una metafora delle strategie di scrittura per render “visibile l’invisibile”. Con il libro “Experimental film and Anthropology” (edizione Bloomsbury, 2014) Caterina Pasqualino e Arnd Schneider  (presenti all’incontro) propongono una discussione su alcune tecniche cinematografiche che permettono di vedere cose normalmente non visibili. Il libro esplora temi condivisi e sfide teoriche e pratiche per l’antropologia e il cinema sperimentale: emozioni, sensazioni, stati alterati di coscienza, materialità, tempo.

Lista degli interventi:
Caterina Pasqualino, ricercatrice al CNRS di Parigi (IIAC/EHESS):
Performance, cinema e antropologia
Georges Marcus, professore di Antropologia presso l’Università della California:
The Rough Edges of Collaborations Between Scenic Design and Anthropology
Arnd Schneider, professore di Antropologia presso l’Università di Oslo:
Cinema sperimentale ed antropologia: possibilità d’incontro
Roberto Andò, direttore del Centro Sperimentale di Cinematografia, Palermo:
L’invenzione della realtà

INFO:
Museo Antonio Pasqualino
piazzetta Antonio Pasqualino, 5, 90138 Palermo
Tel. +39 091.328060 , Fax +39 091.328276
www.museomarionettepalermo.it
mimap@museomarionettepalermo.it

MAV 2014

Dal 27 al 29 novembre torna la rassegna MAV Materiali di Antropologia Visiva  al Museo delle Arti e Tradizioni Popolari.

Il Convegno-Rassegna Materiali di Antropologia Visiva (MAV) è un appuntamento biennale ideato da Diego Carpitella nel 1985 al Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari, per discutere e verificare le ricerche e le produzioni audiovisive in ambito antropologico.
L’edizione 2014 del MAV, organizzata dall’Università di Roma “Sapienza” con l’Istituto Centrale per la Demoetnoantropologia, avrà luogo a Roma presso la Sala Convegni del Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari, dalle ore 9.00 alle ore 19.00.
Secondo la consueta formula, MAV 2014 si articolerà in tre giornate, alternando proiezioni di filmati e discussioni con relatori e autori dei materiali in programma. Si avrà inoltre la possibilità di visionare anche i video non inseriti nelle proiezioni in sala.
Giovedi 27 novembre la giornata inaugurale sarà introdotta da Maura Picciau, direttrice del Museo, e avrà come tema “Carnevale e altre storie: filmati inediti di Diego Carpitella e Annabella Rossi”. In questa occasione la Sala Convegni del Museo sarà intitolata a Diego Carpitella. Interverranno Paolo Apolito, Rudi Assuntino, Sandro Biagiola, Francesco De Melis, Francesco Faeta, Francesco Giannattasio, Luigi M. Lombardi Satriani, Lello Mazzacane, Antonello Ricci, Simone Valitutto.
Venerdi 28 e sabato 29 novembre verranno presentati e discussi i materiali di antropologia visiva selezionati per la proiezione in sala, suddivisi nelle seguenti sezioni: “Economie fra locale e globale”, “Etnografie visive”, “Memorie visive”, “Paesaggi sonori”, “Patrimonio e musei”, “Rito e festa”.

Programma completo

L’Etnolaboratorio al MAV

Tre videodocumentari prodotti dall’Etnolaboratorio saranno presentati nella Sezione A Richiesta della prossima rassegna di Materiali di Antropologia Visiva (MAV) che si terrà al Museo delle Arti e Tradizioni Popolari dal 27 al 29 novembre. Si tratta delle opere È la Madonna che vuole il disordine. La Madonna delle donne di Mellito (2014, 14’30”, a cura di Paola Elisabetta Simeoni e Emiliano Migliorini); Córegn, cifolitti e sciüroc. Lazio, Lombardia, Alto Adige a confronto sullo strumentario minore (2013, 18’, a cura di Emiliano Migliorini, Paolo Vinati); Le “Palme” di Bova (2014, 15’, a cura di Emanuela Panajia). L’Etnolaboratorio ha anche partecipato alla produzione del film M 360°, a cura di Paolo Vinati, in visione  tra le opere in programma nella sezione Paesaggio Sonori, il pomeriggio del 28 novembre.

vedi il catalogo dei film A richiesta

Le “Palme” di Bova from etnolaboratorio on Vimeo.

Quaderni Gitani

Segnaliamo l’uscita del libro e DVD “Quaderni Gitani” trilogia sui rom rumeni di Bari.
L’opera si compone di tre contributi: Japigia Gagi (2003, 59 min) Opera prima di Giovanni Princigalli, premiato dalla society of visual anthropology, è un documentario realizzato vivendo per più di un anno in un campo illegale di baracche al rione Japigia di Bari: matrimoni, sogni, lotte, contradizioni, diritti, vita e fine di una comunità ai margini di una periferia urbana. Ha partecipato a vari festival di cinema documentario a Montreal, New York, Singapore, Glasgow, Canton, Teheran, ecc.; La mela rossa (2014, 20 min) Una docufiction, premiata ai rencontres cinématographiques de Dignes-les-Bains che racconta di un primo giorno di scuola e di un primo amore e la scoperta del razzismo. Due ragazzini Rom interpretano loro stessi, improvvisano e reinventano il loro quotidiano, tra le baracche, l’autostrada e gli alti palazzi della periferia. Ha partecipato a vari festival di cinema dell’infanzia e di cortometraggi a Buenos Aires, Bogotà, Madrid, Valencia, Quito, ecc.; Ligia (2014, 21 min), film inedito, ritratto di Ligia, moglie del portavoce della comunità, che racconta della figlia in prigione, della vita nei campi e del desiderio di avere un casa di 15 anni passati nelle baracche.
Il cofanetto contiene anche un libro con scritti di docenti, critici cinematografici, personalità rom ed istituzionali.
Il Libro + DVD è acquistabile on line su La libreria universitaria e Distribuzioni dal basso, oltre che presso la Feltrinelli e la Laterza di Bari.

Storie dal fiume

Venerdì 31 ottobre 2014, alle 20.30, presso la Sala Polifunzionale di Ronco all’Adige (Verona), sarà proiettato il videodocumentario “Outsiders. Storie dal fiume” (ITA, 50′, colore), una produzione indipendente a cura di Sara Pigozzo e Enrico Meneghelli. Il documentario indaga un tratto del fiume Adige, che un tempo era al centro della vita dell’uomo ed ora si ritrova in abbandono, diventando rifugio e salvezza per chi vive ai margini della società. Persone invisibili che insegnano a guardare il mondo con occhi diversi. Il film raccoglie e dà voce alle loro storie.

Video Workshop di Antropologia Visuale a Nuoro

L’Istituto Superiore Etnografico della Serdegna (Nuoro), in collaborazione con David e Judith MacDougall della Research School of Humanities & the Arts, Australian National University organizza un Video Workshop di Antropologia Visuale della durata di 7 giorni
dal 14 al 20 settembre 2014 presso l’ Istituto Superiore Etnografico della Sardegna a Nuoro.

Il workshop è rivolto a persone con poca o nessuna esperienza che desiderino usare il mezzo audiovisivo per prossimi progetti di ricerca. E’ aperto a laureati o a studenti che abbiano completato almeno tre anni di studi universitari. Il workshop prevede insegnamenti pratici di base nell’uso del video e discussioni teoriche su come esso possa essere usato nell’ambito di ricerche e pubblicazioni in antropologia e discipline connesse. Sarà dato maggior rilievo all’aspetto concettuale piuttosto che a quello operativo. Il workshop sarà intensivo, le sessioni mattutine saranno riservate di norma a lezioni di gruppo, proiezioni e discussioni, mentre quelle pomeridiane ad esercitazioni pratiche individuali da svolgersi a Nuoro e nei dintorni. Il workshop non prevede approfondimenti specifici sul montaggio video, tuttavia sarà usato un approccio funzionale alla ripresa e all’editing in the camera così che gli studenti imparino a produrre materiali che possano realmente essere montati.
Il workshop sarà tenuto da David e Judith MacDougall, cineasti-etnografi di fama internazionale. I MacDougall hanno realizzato numerosi film etnografici e maturato un’ampia esperienza nell’insegnamento delle tecniche videocinematografiche in Australia, Stati Uniti, Norvegia, India e Cina.

Il bando e il modulo di domanda possono essere scaricati dal sito www.isresardegna.it o richiesti alla segreteria del Workshop all’indirizzo promozione@isresardegna.org
Le domande dovranno pervenire entro il 15 luglio 2014.

MAV 2014. Call for movies

La Facoltà di Lettere e Filosofia (Laboratorio di Antropologia Visiva e Analisi del Suono “Diego Carpitella”) e il Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari (Archivio di Antropologia Visiva del MNATP) organizzano per il 2014 il Convegno-Rassegna MAV
Materiali di Antropologia Visiva (a cura di Emilia De Simoni, Vito Di Bernardi, Laura Faranda, Francesco Giannattasio, Giovanni Giuriati, Antonello Ricci)

Call for movies: il Convegno-Rassegna MAV, storico appuntamento biennale di antropologia visiva, è stato ideato da Diego Carpitella nel 1985 al Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari (MNATP), ed è stato ripreso nel 2010 all’Università di Roma “Sapienza”.
MAV 2014 avrà luogo nel prossimo mese di novembre, presso il Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari (Istituto Centrale per la emoetnoantropologia).
Secondo la formula ormai consolidata, l’edizione del 2014 si articolerà in tre giornate, la prima dedicata a un evento con partecipazioni di studiosi e operatori, le altre due in un’alternanza di proiezioni di filmati e di discussioni con relatori e autori dei documenti in programma.
MAV è l’acronimo di Materiali di Antropologia Visiva: il termine materiali rinvia all’idea di lavori in corso, di presentazione di documenti audiovisivi e di progetti in fieri. Non si tratta dunque di un festival, ma di un’occasione nella quale i materiali proiettati costituiscono l’incipit di un dibattito.
I filmati da inviare come proposte di partecipazione devono essere in formato DVD e non devono superare la durata di 15 minuti. Nel caso di filmati più lunghi è necessario che i proponenti realizzino un estratto, operando un editing appositamente per la partecipazione, che racchiuda l’essenza del film entro il suddetto limite temporale.
In alternativa l’autore potrà indicare una sequenza che rientri nei tempi indicati.
Tutti i filmati saranno visionabili a richiesta nella loro durata integrale in apposite postazioni.

I materiali e la scheda di partecipazione vanno inviati entro il 15 maggio 2014 al Laboratorio di antropologia visiva e analisi del suono “Diego Carpitella”
Dipartimento di Storia, Culture, Religioni, Facoltà di Lettere e Filosofia, “Sapienza” Università di Roma, Piazzale A. Moro 5 – 00185 ROMA